Fuoco di Sant’Antonio.net » Blog Archives

Tag Archives: cura farmacologica

Fuoco di Sant’Antonio cura farmacologica con antivirali

Fuoco di Sant’Antonio cura farmacologica: terapie

Tra i sintomi più molesti che aggravano il quadro clinico del fuoco di Sant’Antonio ci sono principalmente il dolore e l’esantema che possono richiedere talvolta una cura farmacologica con antivirali. Anche se di solito l’esantema tende a risolversi spontaneamente può essere necessario un trattamento mirato che ha lo scopo principale di placare il dolore che tende a localizzarsi solo su una parte del corpo in corrispondenza del nervo colpito dal virus herpes zoster, per alleviare l’intensità del dolore e scongiurare l’insorgenza della nevralgia post erpetica il medico può prescrivere dei farmaci di tipo antivirale che possono essere assunti per via orale, invece l’assunzione endovenosa è consigliata ai soggetti immunodepressi. La terapia medica ha lo scopo di favorire la pronta guarigione del paziente affetto dall’infezione veicolata dall’herpes zoster, ma la terapia deve essere avviata non oltre le 72 ore dalla manifestazione dell’esantema a livello cutaneo, inoltre per scongiurare eventuali complicanze si raccomanda di prolungare la cura farmacologica per 7-10 giorni. Maggiori informazioni si rinvia alla lettura dell’articolo Fuoco di Sant’Antonio paralisi di Bell con interessamento del VII nervo cranico. Continue reading

Published by:

Fuoco di Sant’Antonio cura farmacologica per ridurre i sintomi

Fuoco di Sant’Antonio cura farmacologica

Per placare i sintomi e favorire la guarigione, e per neutralizzare eventuali complicanze, si può seguire in caso di Fuoco di Sant’Antonio una cura farmacologica antivirale sistemica a cominciare dalle 72 ore dopo le prime manifestazioni a livello cutaneo. Per ottenere la completa guarigione si consiglia di prolungare il ciclo di farmaci per 7-10 giorni fino dunque alla completa scomparsa dei sintomi. Per  evitare il rischio di sviluppare un’infezione più severa e per scongiurare l’insorgenza di possibili complicazione legate all’herpes zoster, prime tra tutte la nevralgia post-erpetica, si può interviene anche sulle difese assumendo farmaci immunostimolanti: questa classe di presidi medici ha il compito di rafforzare le difese immunitarie debilitate del paziente. Tra le terapie più efficaci contro il fuoco di Sant’Antonio il medico prescrive dei farmaci contenenti come principio attivo il Valaciclovir ma bisogna intraprendere il trattamento entro le 48 ore dalla manifestazione dei primi sintomi legati alla comparsa del rush cutaneo; la posologia consigliata prevede l’assunzione del prodotto tre volte al giorno, ogni 8 ore, per la durata di sette giorni. Maggiori informazioni si trovano su Fuoco di sant antonio cure: attraverso l’aspirina liquida. Continue reading

Published by: