• Esami diagnosi dell’herpes zoster

    Esami diagnosi dell’herpes zoster

    È possibile eseguire diversi esami che permettono di formulare la diagnosi dell’herpes zoster a partire dal test di laboratorio più comune che permette di rilevare nel sangue gli anticorpi IgM VZV specifici, ovvero una categoria di anticorpi che si riscontra nei soggetti che un’infezione associata al quadro patologico della varicella o del fuoco di sant’Antonio. Per identificare un focus infettivo in corso da imputare all’aggressione dell’herpes zoster nei laboratori più moderni si esegue una specifica indagine sulla linfa raccolta da un bolla che viene in questo modo sottoposta a reazione a catena della polimerasi (PCR) che consente di ricercare il DNA del virus herpes zoster, oppure in alternativa si esegue un esame al microscopio elettronico che permette di osservare le particelle virali. La diagnostica che riguarda l’herpes zoster è interessata da una serie di sperimentazioni che hanno avviato nuove modalità investigative per identificare il patogeno con maggiore sicurezza, e tra le novità di maggiore interesse bisogna segnalare uno studio effettuato su campioni di lesioni della pelle, occhi e polmoni di pazienti con presunto herpes simplex o herpes zoster sottoposti ad esame attraverso una real time PCR oppure attraverso una coltura virale; è stato possibile confermare un alto livello di sensibilità e di specificità della real time PCR, un test che negli ultimi anni ha potuto beneficiare di un miglioramento. Continue reading

    Published by:
  • Virus della varicella-zoster congiuntivite virale

    Virus della varicella-zoster congiuntivite virale

    La riattivazione del virus della varicella-zoster può determinare dei focus infettivi secondari che si verificano dopo la guarigione dell’infezione primaria e tra le possibili infezioni secondarie bisogna segnalare la congiuntivite virale. Il focus infettivo a carico dell’occhio determina la comparsa di alcuni segni clinici tipici quali: arrossamento a livello oculare;  comparsa di eventuali follicoli; lesioni bollose sulla pelle delle palpebre; intolleranza alla luce; lacrimazione copiosa; secrezioni sierose o di muco purulente; a queste manifestazioni si associano altri sintomi di tipo sistemico tra cui febbre, nausea, vomito, malessere generale. Diversi tipi di virus possono provocare l’insorgenza di congiuntiviti, quindi in base all’agente virale responsabile del focus infettivo possono delinearsi dei quadri patologici con manifestazioni caratteristiche; le varie forme di congiuntiviti virali infatti si possono differenziare esaminando i sintomi accusati dal paziente. Tra i fattori di rischio che possono attivare questo focu infettivo di natura virale possono essere segnalati i seguenti elementi: inalazione di goccioline di saliva infette; cntatto diretto con un soggetto precedentemente infettato dal virus della varicella-zoster; condizione di grave immunodeficienza; età avanzata; traumi fisici legati ad interventi di chirurgia oftalmica. Continue reading

    Published by:
  • Allodinia come si manifesta

    Allodinia come si manifesta

    Le infezioni attivate dal virus herpes zoster possono causare nel soggetto delle conseguenze che possono presentarsi come complicanza di una condizione patologica primaria, tra queste condizioni bisogna segnalare la manifestazione dell’allodinia, che identifica la percezione di un impulso doloroso avvertito da una persona in seguito ad uno stimolo inoffensivo che in condizioni normali non provoca alcuna sensazione dolorosa. In ambito medico si vengono a distinguere differenti tipi di allodinia quali: quella superficiale che si manifesta a livello di cute e mucose, che a sua volta si può differenzia nella forma meccanica, provocata da stimoli meccanici non nocicettivi, che normalmente non causano una sensazione dolorose, (si parla di allodinia meccanica statica se la percezione del dolore si attiva quando si applica anche solo una leggera pressione sulla cute,  invece la forma di allodinia meccanica dinamica è causata da un lieve sfregamento della pelle); quella termica è strettamente connessa con la diretta esposizione a stimoli termici, caldi o freddi non nocicettivi; la forma profonda interessa i tessuti più profondi e tende a manifestarsi anche a livello delle viscere. Continue reading

    Published by:
  • Herpes zoster ipoestesia

    Herpes zoster ipoestesia

    Tra le complicanze che possono verificarsi in seguito al focus infettivo dell’herpes zoster, si può riscontare in alcuni pazienti lo sviluppo della condizione di ipoestesia che si traduce con una diminuzione della normale sensibilità da parte del corpo nei confronti degli stimoli esterni. Questa condizione patologica può interessare ogni parte del corpo, l’ipoestesia può essere totale, con perdita di sensibilità superficiale per cui si registra una ridotta risposta dell’individuo a stimoli di natura tattile, termica e dolorosa; in alcuni casi la perdita di sensibilità può essere parziale quindi una o più forme di sensibilità restano integre mentre altre risultano compromesse. Il soggetto colpito da questa alterazione delle percezioni di tipo sensoriali e del dolore risente sostanzialemente di una ridotta capacità di avvertire determinati stimoli, in associazione ad una perdita di forza muscolare, temporanea o permanente. Continue reading

    Published by:
  • Infezione dei neuroni motori

    Infezione dei neuroni motori

    Alcuni agenti infettivi, quali batteri o virus, tra cui l’herpes zoster possono provocare l’insorgenza di neuropatie, nel caso del virus responsabile della varicella e del fuoco di sant’Antonio può verificarsi l’infezione dei neuroni motori nelle corna anteriori del midollo spinale provocando così una paralisi motoria nell’area di distribuzione dei nervi interessati con alterazioni della forza, della sensibilità e delle funzioni autonomiche, sensazione di dolore. Questo tipo di malattie del sistema nervoso periferico (SNP) si manifesta con sintomi differenti in relazione al tipo di fibre nervose interessate dal danno e dalla loro localizzazione, in genere i sintomi più comuni dovuti ad una compromissione dei nervi motori sono rappresentati da: debolezza muscolare, formicolio, dolore, astenia. In presenza di danni a carico delle fibre autonomiche che interessano i nervi che controllano le attività involontarie si possono verificare diversi disturbi quali: senso di instabilità, vertigini, assottigliamento della pelle, difficoltà nella guarigione delle ferite, costipazione, diarrea, disfunzioni sessuali. In base al coinvolgimento dei diversi nervi (motori, sensitivi oppure entrambi) si parla specificatamente di casi di neuropatia motoria, sensitiva, o mista. Continue reading

    Published by:
  • Test di Tzanck per diagnosticare un’infezione acuta da virus dell’herpes

    Test di Tzanck per diagnosticare un’infezione acuta da virus dell’herpes

    Per diagnosticare un’infezione acuta da virus dell’herpes si utilizza il test di Tzanck, che prende il nome dal  dermatologo russo Arnault Tzanck che ha messo a punto questo esame citodiagnostico del liquido prelevato da una lesione bollosa per la ricerca di cellule acantolitiche, cellule epiteliali dismorfiche, rotondeggianti e con ridotta adesività reciproca, ossia le cellule di T che si evidenziano nel paziente colpito da varicella, infezioni virali indotte dall’herpes zoster e dall’herpes simplex, come anche in caso di pemfigo volgare (malattia autoimmunitaria vescicolo-bollosa), gonorrea e malattie parassitarie trasmesse da insetti come la leishmaniosi cutanea. Il test dermatologico consiste in diverse fasi: si esegue dapprima il prelievo, si esegue la colorazione del materiale prelevato e si effettua un’analisi al microscopio ottico del materiale presente sul fondo di lesioni vescicolose o bollose. Il test di Tzanck permette di diagnosticare un’infezione acuta da virus dell’herpes, ma non consente di distinguere tra infezione tra Herpes simplex (HSV) e virus della varicella zoster (VZV), quindi si esegue l’esame per individuare quadri clinici riconducibili all’herpes zoster oppure ad un’infezione da virus varicella-zoster che determinano la presenza di cellule giganti multinucleate o degenerazione balloniforme. Continue reading

    Published by:
  • Piano vaccinale 2017-2019 vaccino contro l’herpes zoster

    Piano vaccinale 2017-2019 vaccino contro l’herpes zoster

    Con l’entrata in vigore del recente Piano vaccinale 2017-2019, che suggerisce un ampliamento della copertura delle immunizzazioni per delle specifiche fasce di età, è prevista la somministrazione gratuita del vaccino contro l’herpes zoster agli anziani. L’approvazione di questo documento promuove così la prevenzione collettiva della popolazione, garantendo così un livello essenziale di assistenza mediante la somministrazione di vaccini gratuiti ossia senza pagamento di ticket per un ampio target di utenza. In base a quanto previsto dal nuovo Piano nazionale vaccini è stata decisa la somministrazione gratuita nei soggetti di età pediatrica dei vaccini contro il meningococco B, la varicella, il rotavirus e l’epatite; inoltre è stato proposto l’ampliamento della vaccinazione contro il papilloma virus anche agli adolescenti di sesso maschile; per quanto riguarda le misure relative agli anziani viene garantita la copertura gratuita dei vaccini contro lo pneumococco ed il virus herpes zoster a partire dai  65 anni di età. Continue reading

    Published by:
  • Olio di niaouli herpes zoster

    Olio di niaouli herpes zoster

    L’olio di niaouli si dimostra un rimedio utile in caso di herpes zoster, ma in campo fitoterapico questo prodotto viene impeigato per altri scopi, ed infatti viene indicato per curare diversi disturbi cutanei quali: accelerare la rimarginazione delle ferite, dare sollievo alle punture di insetti, placare dolori reumatici, contrastare l’acne, risolvere focus infettivi causati dal virus erpetici, risolvere brufoli, pruriti, micosi, psorias. Questo olio, ricavato dal processo di distillazione delle foglie e dei rami della Melaleuca viridiflora, possiede proprietà antisettiche, cicatrizzanti, antinfiammatorie, immunologiche, nello specifico il rimedio è particolarmente efficace per il trattamento di affezioni a carico delle vie respiratorie, in quanto cura la tosse, spegne eventuali infiammazioni orofaringee, disinfiamma le mucose; l’essenza propone delle caratteristiche simili all’olio essenziale di eucalipto ma è più delicato per questo motivo viene indicato per curare le malattie dell’apparato respiratorio dei bambini. L’aromaterapia raccomanda di far ricorso all’olio essenziale di niaouli in caso di processi infettivi a carico della pelle, delle vie respiratorie e delle vie urinarie. Continue reading

    Published by:
  • Herpangina come si manifesta l’infezione

    Herpangina come si manifesta l’infezione

    Una dolorosa malattia di origine virale come l’herpangina si manifesta con maggiore incidenza nei bambini, di età compresa tra i 3 e i 10 anni, provocando la comparsa nei pazienti di ulcere e lesioni all’interno della bocca, a cui si associa mal di gola e febbre. Questa forma di faringite vescicolare di tipo virale viene attivata dal gruppo dei Coxsackievirus, più spesso da quelli di tipo A, si manifesta talvolta per azione di diversi enterovirus con contagio attraverso la trasmissione oro-fecale o per via respiratoria, nella maggior parte dei casi il contagio si verifica per contatto con mucose di un individuo infetto. Dopo l’infezione durante l’incubazione generalmente il soggetto va incontro ad un periodo asintomatico della durata di una a due settimane, in seguito i soggetti infettati da alcuni enterovirus possono anche rimanere asintomatici rendendo così la trasmissione più facile. Quando sorgono le manifestazioni sintomatiche compaiono dolori alla bocca, febbre alta, mal di gola, segni di disidratazione, ingrossamento dei linfonodi, vescicole, ulcere sul retro della gola e sul palato; la comparsa di lesioni nell’istmo delle fauci e nell’orofaringe danno forma a vescicole di 1-2 mm di diametro con contorno eritematoso che in poco tempo vanno incontro ad ulcerazione. Continue reading

    Published by:
  • Nevralgia post-erpetica terapia farmacologica

    Nevralgia post-erpetica terapia farmacologica

    Il quadro clinico della nevralgia post-erpetica richiede un trattamento appropriato attraverso una terapia farmacologica che prevede diversi tipi di presidi medici con lo scopo di placare principalmente il dolore percepito dal paziente evitando inoltre che si verifichi il blocco neuronale. Il medico è propenso a prescrivere una cura icentrata su più farmaci per placare in maniera più efficace il dolore, in genere  il soggetto colpito da nevralgia post-erpetica deve assumere farmaci ad azione sistemica e di tipo topico. Tra le famiglie farmacologiche d’elezione ci sono gli anticonvulsivanti in grado di lenire la sensazione dolorosa a carico dei nervi danneggiati; sono frequentemente prescritti anche gli antidolorifici per promuovere un’azione analgesica, in base all’intensità del dolore è possibile usare farmaci più blandi o potenti da scegliere tra composti a base di principi attivi quali: ibuprofene, acido acetilsalicilico, paracetamolo, capsaicina, codeina, idrocodone, tramadolo. In caso di nevralgia post-erpetica sono di grande ausilio degli anestetici locali quali pomate oppure cerotti a base di lidocaina che agiscono principalmente per placare il prurito. Continue reading

    Published by: