Herpes zoster gel a base di cloruro d’alluminio

Comment

Fuoco di Sant'Antonio cura

Herpes zoster gel a base di cloruro d’alluminio

Grazie alle sue innumerevoli qualità nella galenica dermatologica e nell’industria cosmetica, il gel a base di cloruro d’alluminio viene largamente utilizzato in particolare come prodotto antisudorale, e come gel astringente da usare in caso di rash cutanei per asciugare e seccare le vescicole e contrastare il prurito, per accelerare la guarigione dell’infezione cutanea veicolata dall’herpes zoster si può quindi fare ricorso al gel a base di cloruro d’alluminio. Questo rimedio naturale si dimostra un potente astringente, antipruriginoso ed antimicrobico un mix di virtù che rende il gel utile per lenire la sintomatologia legata al fuoco di sant’Antonio e della varicella, per cui il gel astringente se viene applicato più volte al giorno, fa asciugare e seccare le vescicole, favorendo anche la riduzione del prurito; per cui nel caso di varicella, che di solito colpisce i bambini, le vescicole pruriginose possono essere trattate con questo rimedio topico per evitare che il prurito diventi insopportabile e che venga placato grattandosi accanitamente con le unghie determinando l’insorgenza di infezioni e cicatrici sulla pelle in corrispondenza delle vescicole. Un’altra patologia virale che può essere trattata con questo rimedio naturale è l’herpes labiale come anche l’herpes genitale che si manifestano con vescicole molto pruriginose su una cute rossa ed edematosa, l’uso del gel a base di cloruro d’alluminio fa asciugare e seccare le vescicole bloccando la sensazione di prurito.

L’effetto antisudore

herpes zoster gel a base di cloruro d'alluminio

herpes zoster gel a base di cloruro d’alluminio

Chi è colpito da una copiosa sudorazione a livello delle ascelle, dove si concentrano un gran numero di ghiandole sudorali, può contrastare l’eccesso di sudore ed il connesso cattivo odore dato dalla presenza di batteri con l’applicazione del gel astringente a base di cloruro d’alluminio, per cui si può sfruttare la sua azione antisudorale ed antibatterica. o facendo regredire sia l’ipersudorazione sia il malodore. Dopo un primo lavaggio delle ascelle ci si asciuga, per poi applicare una piccola quantità di gel astringente esercitando un leggero massaggio, meglio ripetere l’operazione una volta al giorno una volta la settimana inoltre è bene evitare l’uso di deodoranti o profumi a livello del cavo ascellare.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verifica CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.